Dopo di che ogni giocatore prenderà una carta di pezzi, dove troverà i pezzi che può utilizzare per quella partita. 


facebook
instagram
twitter
youtube
whatsapp

Copyright © 2021.  TUTTI I DIRITTI RISERVATI

5200070_0 (1).jpeg
reyntydcfesrvrvnurby.jpeg

STORIA DELLO SHOGI

storia shogi

Lo shogi, gli scacchi classici e altri giochi simili hanno suoi origini nell’antico gioco indiano di CHATURANGA o SHATURANGA il quale significa 4 MEMBRI.

 

La menzione più antica dello Shogi è il KIRINSHO, un testo che data dal 1027 e che spiega solo la calligrafia e i caratteri sui pezzi.

 

Nel 1058, nel tempio KOFUKU – Ji, sono stati trovati i pezzi più antichi dello shogi, i quali avevano la stessa formo di quelli che sono utilizzati oggi, fatti in legno e la scrittura in cinese. Grazie lo shogunato dei TOKUGAWA, è stata fondata la prima accademia ufficiale per lo shogi e il go, i responsabili di questa accademia sono stati monaci scintoisti e buddhisti, come primo rettore c’era il monaco buddhista HONINBO SANSA e la prima partita registrata aveva come giocatori HONINBO SANSA contro OHASHI SOKEI.

 

Il posto dello Shogi nella cultura giapponese fu cementato nella prima parte del periodo Edo nel 1612 quando il shogunato Tokugawa lo riconosce come una delle arti. 

 

Col tempo lo shogi è diventato un gioco per tutti, senza fare differenza fra livelli sociali, ma dopo anni si riesce ad aprire L’ASSOCCIAZIONE GIAPPONESE DI SHOGI, la quale è stata creata nel 1924 e ristabilita nel 1946, come sede centrale c’era Tokyo.

OHASHI SOUKEI (PRIMO MEIJIN)

Nel 1612, lo shogi e il go ricevettero lo status di arte, cosi lo shogun Tokugawa Ieyasu concesse uno stipendio una tantum a otto dei migliori giocatori di shogi e go dell'epoca, tra cui Ohashi Soukei, un mercante di Kyoto. Soukei era il giocatore più forte del paese, e quindi assunse il titolo del primo Meijin (chiamato anche lo shogidokoro) del gioco e il fondatore della casa Ohashi. Soukei si era fatto una reputazione come un forte giocatore di Shogi prima di essere selezionato.

 

Il più antico gioco di Shogi registrato fu giocato nel 1607, tra Soukei e Honinbo Sansa, che sarebbe stato anche favorito dallo shogun come uno dei quattro giocatori di go nel 1612.

 

Nel 1616, Soukei presentò una raccolta di composizioni di tsumeshogi, o problemi di accoppiamento, all'allora shogun Tokugawa Hidetada; questo atto darebbe inizio alla tradizione di ogni Meijin che dona una collezione di tsumeshogi allo shogunato prima o dopo la loro adesione.

 

Queste collezioni sono state conservate per i posteri e offrono uno sguardo raffinato sulla creatività e l'abilità di ogni Meijin; alcune delle collezioni abbracciano pienamente l'aspetto artistico della composizione problematica e sono considerate ancora oggi capolavori.

 

La collezione di Soukei, lo Shougi Uma no Hou Narabi ni Tsukurimono (象戯馬法並作物) comprendeva 80 problemi (più di 9 mosse), a questo punto della storia, i problemi di tsumeshogi erano principalmente destinati ai giocatori che cercavano di migliorare il proprio gioco; le composizioni di Soukei avevano quindi un aspetto diverso rispetto allo stile più artistico comune alla metà del periodo Edo.

 

Lo Shougi Uma no Hou Narabi ni Tsukurimono era in effetti una versione ampliata dell'originale Shougi Zoubutsu di 50 problemi che aveva precedentemente presentato all'imperatore Goyouzei nel 1603, che è anche la più antica collezione di tsumeshogi mai registrata.

 

Come primo Meijin, Soukei ha adempiuto e definito i ruoli del suo ufficio per le generazioni future; lui è morto nel 1634 e suo figlio maggiore Ohashi Souko ereditò il titolo di Meijin e la posizione di capo della casa Ohashi.

 

La tomba di Soukei si trova al Tempio Reikouji (霊光寺) nel quartiere di Fushimi, Kyoto, a forma di pezzo di Shogi e con i caratteri 桂馬 (keima) scolpiti su di essa.

 

 

 

 

 

OHASHI SOUKO (SECONDO MEIJIN)

Alla morte dI Ohashi Soukei  nel 1634, il successivo in linea è suo figlio maggiore Ohashi Souko, il quale assunse il ruolo di Meijin all'età di 59 anni, cosi seguendo le orme di suo padre, Souko presentò la sua collezione di 100 problemi, lo Shogi Chi no Mi (将棋智実), allo shogunato nel 1636. È anche il primo record delle regole del nifu, uchifuzme e del mochigoma o tegoma (pezzi in mano) che sono i rientri illegali.

 

Nel 1635 furono create due nuove case di Shogi, il fratello minore di Souko, Ohashi Souyo, si separò per dirigere la casa secondaria di Ohashi e allo stesso tempo, il genero di Souko, discepolo di Soukei, e il futuro Meijin Itou Soukan (17 anni), fondarono la casa di Itou. Queste tre case di Shogi: La casa principale di Ohashi, la casa secondaria di Ohashi e la casa di Itou, furono ufficialmente riconosciute dallo shogunato sotto il sistema Iemoto e avrebbero prodotto molti giocatori forti e Meijin nel corso delle generazioni.

IL RUOLO DELLE CASE DELLO SHOGI

 

SHOGIDOKORO / IL MEIJIN

Le tre case dello Shogi e le loro teste furono ufficialmente riconosciute, igiocatori di Shogi sotto di loro ricevevano un piccolo stipendio, indirettamente dallo shogunato tramite il loro iemoto; in cambio avrebbero dovuto adempiere ai loro doveri, rimanendo nella capitale Edo per lunghi periodi per esercitare il loro mestiere, ed essere sorvegliati dallo shogunato.

 

Tra le case c'era naturalmente la domanda naturale su chi fosse il più forte tra loro, la risposta era la posizione di Meijin.

 

Un singolo giocatore giudicato il più forte del tempo sarebbe stato nominato a questa posizione d'accordo di tutte e tre le case. Per natura della scelta, si trattava di un riconoscimento praticamente inequivocabile dell'abilità e dell'anzianità di questa persona; questa era una posizione a vita, con una sola eccezione nel periodo Edo (Itou Soukan che si ritirò volontariamente nel 1691.)

 

Il Meijin era talvolta chiamato anche shogidokoro (将棋所),  ci sono un certo numero di affermazioni ampiamente ripetute di altri significati o origini dei termini shogidokoro come ad esempio che si evolvono da un appellativo kidokoro dato agli otto giocatori selezionati nel 1612.

 

Questa affermazione è presente anche in alcune enciclopedie, ma non c'è prove storiche dell'uso di questi termini all'epoca, le prove indicano che lo shogidokoro è sinonimo di Meijin usato dalle stesse case di shogi.

 

 

Un punto da notare è che il Meijin non era una posizione ufficialmente riconosciuta dallo shogunato ma era una posizione decisa dalle case di Shogi tra di loro. Tuttavia, il Meijin avrebbe funzionato come una sorta di collegamento tra lo shogunato e le case dello shogi, e avrebbe esercitato una notevole autorità all'interno del mondo dello shogi.

 

 

 

RANGO KYU E DAN

L'iemoto non aveva solo l'autorità di decidere tra di loro il prossimo Meijin, ma anche di classificare altri giocatori e valutarli per la loro idoneità a ruoli di leadership. Solo lui sotto la supervisione dello shogunato jisha-bugyou , i magistrati del tempio e del santuario, aveva l'autorità di assegnare i gradi ai giocatori in base alla loro forza.

 

Questa fu l'origine di un sistema di rango standardizzato Dan e Kyu a livello nazionale, sostenuto dall'autorità del Meijin, delle case e dello shogunato.

 

I giocatori hanno iniziato con un grado Kyu, salendo a 1-kyu finche diventavano più forti; dopo di arrivare al 1-kyu, potevano diventare 1-dan, quindi essere ulteriormente promossi attraverso i gradi Dan fino a 7-dan, che era il grado più alto che un estraneo potesse raggiungere.

 

Chi arrivava a 8 Dan veniva assegnato solo ai potenziali candidati per il prossimo Meijin e poteva essere tenuto solo dai membri di una delle scuole principali. Il 9 Dan era un grado detenuto solo dai Meijin, poiché il Meijin è il giocatore più forte in linea di principio e in pratica, il sistema di classificazione riflette non solo l'anzianità, ma la vera forza di gioco.

 

Il Meijin doveva essere visto come il giocatore più forte per mantenere la propria autorità; ciascuno dei giocatori di Shogi delle case sarebbe anche stato classificato tra di loro per abilità o essere ricercati dalle case, perché anche le case dovevano mantenere attivamente la loro posizione di più forti.

 

L'istituzione del sistema iemoto ha concesso stabilità finanziaria e riconoscimento alle tre case, consentendo il loro lavoro come professionisti, tutti gli altri erano "dilettanti", avendo necessariamente un altro modo per guadagnarsi da vivere.

 

C'erano studenti e discepoli esterni delle case che possedevano abilità, talento, ma spesso non sarebbero stati in grado di guadagnarsi da vivere solo con lo Shogi. C'era la casa di go Honinbo, il loro fondatore Honinbo Sansa, anche lui forte nello shogi.

 

C'erano giocatori non affiliati (在野派客), conosciuti come giocatori Arino o Zaino, che non studiavano attivamente sotto le case, ma comunque avversari formidabili per talento, esperienza o entrambi. Un piccolo sottoinsieme di questi erano gli Shinkenshi (真剣士), che si guadagnavano da vivere come imbroglioni dello shogi, questa era un'occupazione rischiosa, poiché il gioco d'azzardo era un grave reato sotto lo shogunato.

HIGAKI KOREYASU, I GANGI E IL GIOCO DEL VOMITO SANGUIGNO

 

Una delle sfide più famose fu quella di Higaki Koreyasu (檜垣是安), che sfidò Meijin Ohashi Souko nel 1652, e Itou Soukan era lì per accettarlo come procuratore iemoto Meijin.

 

Soukan aveva dato molte volte a Koreyasu l'handicap dell'alfiere e l'handicap della lancia, i giochi con handicap dell'alfiere sono stati tutti vinti da Koreyasu e i giochi con handicap della lancia da Soukan.

 

Koreyasu ora intendeva affrontare e sconfiggere Soukan in un gioco alla pari, preparando una nuova strategia segreta  (gangi) per farlo.

 

Soukan come giocatore più anziano si muoverebbe per secondo, e molto probabilmente giocherebbe la torre come suggeriva la teoria dell'epoca; la strategia gangi di Koreyasu fu una contromisura, preparando una torre statica con una ritirata dell'alfiere a 7 - 9 mirando a 2 - 4, cosi lui si sarebbe ispirato ai gradini di un attracco fluviale per barche, chiamato gangi (雁木); gli altri pezzi formavano una forma a scala per lasciare libera la diagonale dell'alfiere da 7 - 9 a 2 - 4.

 

Tuttavia, secondo i desideri di Souko, Soukan e Koreyasu avrebbero invece giocato due partite, una con un handicap di lancia destra e una con un handicap dell'alfiere. La scelta di quale partita giocare per prima spettava a Koreyasu, poiché Uwate (il datore di handicap) giocava tipicamente con la torre statica.

 

Koreyasu scelse di giocare ricevendo per primo un handicap di lancia destra, in una partita di doppia torre statica, Koreyasu ha usato i generali argento su 6 - 7 e 5 - 7 insieme a un attacco di torre manica (sodebisha) per vincere.

 

Vincere il gioco col handicap della lancia ha dato a Koreyasu un'enorme spinta e ha subito messo a rischio l'autorità delle case dello shogi, se Soukan dovesse perdere la partita successiva e anche la partita con il handicap di alfiere, danneggerebbe la reputazione delle case (incluso al Meijin Souko che rappresentava) e incoraggerebbe ancora più sfidanti, cosi il prossimo gioco è stato un gioco che Soukan non poteva perdere.

 

Tre giorni dopo la prima partita, i giocatori si scontrarono di nuovo in battaglia, nessuna delle due parti era disposta a perdere, cosi la lotta è iniziata dall'apertura della torre in terza fila di Koreyasu, con l'iniziativa che cambiava lato più volte durante gli attacchi feroci di entrambi i giocatori, cosi alla fine e dopo di 161 mosse, Koreyasu si è dimesso, Soukan aveva difeso ancora una volta l'autorità delle case.

 

Secondo il folklore, questo secondo gioco lasciò Koreyasu mentalmente e fisicamente esausto, vomitando sangue non appena si era dimesso; questa storia è ben nota anche oggi, e il gioco è conosciuto come il "gioco del vomito di sangue" (吐血の一局).

ITOU SOUKAN (TERZO MEIJIN)

 

Itou Soukan, avendo acquisito una vasta esperienza nel respingere le sfide alle case è diventato senza dubbio il giocatore più forte, e così divenne Meijin all'età di 37 anni, aveva presentato il suo dono di tsumeshogi allo shogunato, lo Shogi Komakurabe dei 100 problemi.

 

Seguendo le sue orme, i futuri giocatori di 8 Dan annunciavano come il prossimo Meijin avrebbe regalato le loro offerte di tsumeshogi prima anche loro hanno aderito alla posizione.

 

 

Nel trattare con così tanti giocatori indipendenti e alcuni più idiosincratici di altri, Soukan aveva provato molte strategie diverse, le sue varie esperienze hanno fatto progredire rapidamente la comprensione generale del gioco. Nel campo dello tsumeshogi, eliminò anche i koma-amari (pezzi ancora lasciati in mano all'attaccante), ottenendo composizioni più raffinate e un significativo passo avanti verso il lato più artistico dello tsumeshogi.

 

Soukan non dimenticò mai le sue radici e quanto doveva al suo maestro, Ohashi Soukei, m c'è una storia dell'altruismo di Soukan che risale al 1664; la principale casa Ohashi ebbe una crisi di successione quando il terzo capo Ohashi Soukei III (nipote di Soukei I) morì nel 1660, poi solo due anni dopo il quarto capo Ohashi Souden (figlio di Soukei III) all'età di 25 anni.

 

Soukan, pronto a far terminare il lignaggio della sua casa in una sola generazione, mandò il suo unico figlio Itou Sougin per essere adottato dalla famiglia principale Ohashi nel 1664 e continuare il suo lignaggio. Prendendo il nome di Ohashi Soukei V, Sougin avrebbe infine ereditato il titolo di Meijin dal padre naturale nel 1691.

 

La gentilezza di Soukan non è stata trascurata, cosi più tardi e grazie alla disposizione del magistrato del tempio e del santuario Inoue Kawachi-no-kami (Inoue Masamine), Soukan adottò il talentuoso Tsuruta Gen'an, continuando il lignaggio della casa di Itou, cosi Gen'an prese il nome di Itou Souin e sarebbe diventato Meijin dopo Soukei V nel 1713.

 

Itou Soukan I si ritirò come Meijin e capo della famiglia Itou nel 1691 e cosi è stato l'unico Meijin nel periodo Edo a farlo, invece di trasmettere il titolo alla morte.

 



IL CASTELLO SHOGI
 
Intorno al 1665, le tre principali famiglie dello shogi si trasferirono nell'Edo (il vecchio nome di Tokyo), effettivamente la sede del potere dello shogunato, essendo uno dei pochi ruoli ufficiali delle case dello shogi, sarebbe stato loro richiesto di svolgere un gioco formale in presenza dello shogun una volta all'anno.
I rappresentanti delle tre casate dello shogi sarebbero apparsi al castello di Edo per contestare il gioco di fronte allo shogun, agli anziani (funzionari chiamati roujuu, 老中) e ad altri ufficiali dello shogunato, questi divennero noti come Oshiro Shogi (御城将棋) o i giochi del castello Shogi.

Non è chiaro esattamente quando sia iniziata questa tradizione, ma ci sono registrazioni di giochi del castello Shogi che hanno avuto luogo dal 1682 in poi tra Ohashi Soukei V della casa principale di Ohashi e Ohashi Souyo III della casa del ramo di Ohashi. Il più antico kifu completo del castello di Shogi risale al 1690, con Itou Souin II che assegnò a Ohashi Souyo III un handicap con la lancia sinistra e perse.

A partire dal 1716, la data del Castello Shogi fu fissata al 17° giorno dell'11° mese di ogni anno secondo il vecchio calendario (lunisolare). Questa è l'origine del giorno dello Shogi che cade il 17 novembre nel calendario moderno.

All'inizio i giochi non avevano limiti di tempo e spesso non finivano nel castello, ma venivano rimandati e proseguiti nella residenza di un Anziano, ma per accorciare i tempi della giornata stessa, a partire dal 1692 sarebbe bastato concludere i giochi prima della giornata al castello.

Il gioco potrebbe essere portato a termine in anticipo, quindi i giocatori dovrebbero ripetere le mosse prima dello shogun il giorno stesso, l'atto fisico di fare le mosse al Castello di Edo assunse poi un aspetto più cerimoniale, sebbene il prestigio dei giochi fosse immutato.

Un effetto collaterale di questo cambiamento era che ci sarebbe stato più tempo durante la giornata al castello stesso, cosi questo tempo extra sarebbe stato utilizzato per giocare a giochi didattici "okonomi", in cui i giocatori e i rappresentanti della casa avrebbero insegnato a chiunque desiderasse migliorare le proprie abilità di Shogi.

Gli spettatori ei partecipanti avrebbero accettato l'offerta, al tempo delle riforme del Kansei dal 1787 al 1793, i giochi del Castello Shogi non furono eliminati come inutili eccessi proprio perché coloro che cercavano istruzione erano i daimyou e altri vicini allo shogun. Dopo che i giochi hanno assunto un aspetto più cerimoniale, la sala Onkuroshoin (御黒書院) dove si svolgevano i giochi si sarebbe trasformata in un salone di Shogi per la giornata.

Dopo che fu fissata la data del Castello Shogi, si tenne quasi ogni anno fino al 1861, tranne nel 1730, 1775 e 185, cosi gli ultimi giochi furono giocati nel 1861, in un contesto di tensione tra lo shogunato e i nazionalisti imperiali.

Lo shogunato aveva preoccupazioni per il peggioramento della situazione politica, che avrebbe portato alla guerra Boshin e al rovesciamento dello shogunato, seguito dalla successiva restaurazione Meiji.

 

OHASHI SOUKEI V (QUARTO MEIJIN)

 

Itou Soukan I si ritirò come Meijin e capo della famiglia Itou nel 1691 e cosi diventa l'unico Meijin nel periodo Edo a farlo, invece di trasmettere il titolo alla morte; a succedergli come capo della casa Itou fu suo figlio adottivo, Itou Souin II; e gli successe come Meijin era suo figlio di sangue, Ohashi Soukei V (precedentemente Itou Sougin).

 

Ohashi Soukei V della casa principale di Ohashi aveva presentato allo shogunato la sua collezione di 100 problemi, lo Shougi Tekagami (象戯手鑑) nel 1669 quando fu promosso a 8 dan.

 

Non avendo figli suoi, adottò un figlio che prese il nome di Ohashi Sougin.

 

 

 

 

 

ITOU SOUNIN II (QUINTO MEIJIN)

 

Dei cinque Meijin quattro provenivano dalla casa di Itou e uno era imparentato di sangue (quarto Meijin Ohashi Soukei V, figlio del terzo Meijin Itou Soukan I). La famiglia Itou aveva chiaramente dominato in forza, ma mai più che nella seconda metà di questo periodo, a cominciare da un uomo e dalla sua famiglia.

 

Itou Souin II, figlio adottivo del terzo Meijin Itou Soukan I, divenne il quinto Meijin nel 1713, nato come Tsuruta Gen'an (鶴田幻庵), fu ritenuto un forte giocatore di shogi ed entrò nella casa di Itou per scongiurarne la fine prematura, poiché l'unico figlio di Soukan I era stato dato alla casa principale di Ohashi nel 1664.

 

La raccolta di tsumeshogi di talento di Souin II era lo Shogi Yuuryaku (将棋勇略) di 100 problemi, ma è anche noto per il classico manuale di 100 problemi Shogi Seimyou (将棋精妙).

 

Questo lo rende uno dei soli due giocatori nel periodo Edo a lasciarsi alle spalle 200 problemi di tsumeshogi, l'altro è Kuwabara Kiminaka 4 Dan (桑原君中) più tardi nel 18° secolo.

 

 

 

 

LA FAMIGLIA PIÙ FORTE

 

Come suo padre adottivo, Souin II aveva mostrato talento e ha trasmesso questo talento ai suoi cinque figli; inoltre, si incontrava regolarmente con i suoi figli per guidarli e affinare le loro abilità; tutti e cinque sarebbero diventati giocatori di Shogi di livello Dan.

 

Intatsu era morto giovane ma aveva raggiunto il 5 Dan all'età di 11 anni; Inju sarebbe poi diventato il settimo Meijin Itou Soukan III; Souju sarebbe poi diventato 8 Dan e l'ottavo capo della casa principale Ohashi - Ohashi Soukei VIII; Kanjo diventerebbe 7 Dan e il figlio più giovane Kanju sarebbe poi diventato 8 Dan, con il titolo di Meijin postumo, e sarebbe rimasto famoso come compositore pionieristico di tsumeshogi anche 300 anni dopo.

 

Non sarebbe un'esagerazione affermare che Souin II abbia allevato la più forte famiglia di Shogi della storia.

 

 

Souin II presiedette come Meijin fino ai 60 anni, giocando la sua ultima partita al castello nel 1722 contro Ohashi Soumin; la sua lapide si trova oggi nel tempio di Honpouji (本法寺) nel quartiere di Sumida, a Tokyo.

 

 

 

 

 

OHASHI SOUYO III (SESTO MEIJIN)

 

Alla scomparsa del Meijin Itou Souin II, c'erano ancora troppi giovani e inesperti per prendere le redini, mentre maturavano, il titolo di Meijin sarebbe andato a un membro anziano delle tre case con una pretesa al titolo, e così Oashho Souyo III  diventa Meijin all'età di 75 anni. era il terzo capo della famiglia del ramo Ohashi, ma in termini di forza di gioco aveva dovuto giocare in secondo piano con i rappresentanti della famiglia principale Ohashi e della famiglia Itou per decenni.

 

Il suo tsumeshogi di talento era la raccolta di 100 problemi Shogi Youshin Zushiki (将棋養真図式) nel 1717, si tratta di una raccolta famigerata, forse un'opera frettolosa o creata per lui da un discepolo malizioso, poiché oltre la metà dei problemi sono cucinati o rimaneggiati da lavori precedenti come il Komakurabe , il Tekagami e il Rikisou .

 

Tuttavia, era un giocatore di statura formidabile, suoi rivali in questi giochi includevano il 4° Meijin Ohashi Soukei V (2 -5 accettando l'handicap dell'alfiere) e 5° Meijin Itou Souin II (10-2 accettando l'handicap della lancia, 0-9 nei giochi pari), i risultati riflettono la sua abilità, ma mostrano anche che era un passo indietro rispetto al più forte dei suoi contemporanei.

 

La sua ultima partita ebbe luogo nel 1724, contro Ohashi Souju (nato come Itou Souju, che poco dopo divenne l'ottavo capo della casata principale di Ohashi - Ohashi Soukei VIII all'età di soli 10 anni). Souyo III aveva perso contro un giocatore più giovane, e così facendo ha stabilito il record per il giocatore più anziano ad aver mai partecipato a una partita.

 

Ohashi Souyo III morì all'età di 80 anni, nel corso dei decenni, aveva affrontato altri tre Meijin passati o futuri.

 

I cinque anni in cui aveva ricoperto il titolo erano cinque anni che la generazione più giovane doveva maturare in età e abilità, dopo alcune controversie e un intervento del magistrato del tempio e del santuario dello shogunato, Itou Inju (ora il 3° capo della casata Itou - Itou Soukan III) divenne il Meijin più giovane all'età di 23 anni.

ITOU SOUKAN III (SETTIMO MEIJIN)

 

Itou Soukan III fu uno dei Meijin più forti del periodo Edo e colui che guidò il mondo dello Shogi durante quella che si potrebbe definire la sua età dell'oro.

 

Era il secondo figlio del quinto Meijin Itou Souin II; suo fratello maggiore era stato conosciuto come la cometa ardente Itou Intatsu. A 17 anni, Soukan III era troppo giovane per ereditare il titolo quando suo padre morì, ma dopo i cinque anni di mandato di Ohashi Souyo III gli diedero abbastanza tempo per maturare.

 

 

L'abilità di Soukan III era evidente fin dalla tenera età, apparendo per la prima volta in una partita all'età di 11 anni e sconfiggendo Souyo III accettando un handicap di torre.

 

Quando ha assunto l'incarico di Meijin, Soukan III aveva un eccezionale record di 12-1 nelle partite, comprese vittorie con handicap in costante diminuzione sul suo rivale per Meijin, Ohashi Soumin.

 

Dato che divenne il Meijin più giovane a soli 23 anni, Soukan III fu in grado di fare la sua offerta di tsumeshogi allo shogunato solo nel 1735; ma quella raccolta, lo Shogi Musou (将棋無双), è oggi la raccolta classica di tsumeshogi più difficile da risolvere, incluso il 75° problema di 225 mosse.

 

L'assoluta difficoltà della raccolta ha portato gli aspiranti risolutori a chiedersi se esistesse davvero una soluzione ai problemi all'interno, da qui il suo nome colloquiale  Tsumu ya tsumazaru ya  (詰むや詰まざるや), mate o non mate?

 

 

 

 


SHOGUN TOKUGAWA IEHARU
 

Nella continua assenza di un Meijin, la guida delle case passò di mano alla generazione successiva: la casa Itou va da Itou Tokuju IV a Itou Souin V nel 1763, la casa Ohashi va da Ohashi Souyo IV a Ohashi Soujun V nel 1764, e la casa principale di Ohashi va da Ohashi Soukei VIII a Ohashi Soukei IX nel 1774; ma fu Soukei IX che diventa l'ottavo Meijin.


Souin V era un giocatore creativo che sarebbe stato il primo ad esplorare yokofudori come sente, e il castello Mino come uwate nei giochi di handicap con la lancia.

Ci fu comunque un lato positivo per gli anni senza Meijin dal 1761 al 1789, in coincidenza con questo periodo fu il regno dello shogun Tokugawa Ieharu, decimo shogun dello shogunato Tokugawa dal 1760 al 1786 e il più appassionato di Shogi di tutti gli Shogun.


Ieharu era un appassionato giocatore di Shogi, raggiungendo il grado di 7Dan, era un giocatore dilettante motivato; durante il suo regno, l'ufficiale Tanuma Okitsugu aveva ricoperto un'alta carica, che come politico scaltro e corrotto prese le redini del governo (quel periodo è talvolta chiamato anche "era Tanuma"); questo lasciò a Ieharu il tempo di concentrarsi sulla pittura e sullo shogi.


Ieharu giocava spesso contro i capi delle case di shogi, tra cui Ohashi Soukei IX (Ohashi Inju), Itou Kanju II, Itou Souin V e Itou Soukan VI (Itou Inka), così come i suoi stretti collaboratori; circa 100 di quei record di gioco sopravvivono oggi.


Era così appassionato di Shogi che anche l'annuale Gioco del Castello tra gli iemoto era insufficiente; avrebbe fatto giocare i rappresentanti della casa dello shogi contro i suoi funzionari in giochi didattici ufficiali Okonomi; molti di quei kifu dal 1767 al 1785 sono sopravvissuti.


Sono stati registrati in una forma particolare di notazione favorita da Ieharu, la notazione Iroha, usando le sillabe del poema classico Iroha e altri caratteri per etichettare ogni quadrato del tabellone.
Sebbene Ieharu fosse forte nel giocare a Shogi, era in qualche modo il più forte, era il miglior dilettante della storia in tutti i sensi; non si guadagnava da vivere con lo shogi.


Le composizioni di tsumeshogi di Ieharu erano però tutta un'altra cosa, il compianto Futakami Tatsuya 9Dan, maestro di Habu Yoshiharu e abile compositore di tsumeshogi, osservò che mentre i giochi di Shogi di Ieharu erano in definitiva amatoriali, le sue composizioni di tsumeshogi erano impareggiabili.


Ieharu compose una raccolta di 100 tsumeshogi, il Gyosen Shougi Koukaku (御撰象棊攷格), che fu completata nel 1785, fu un'impresa impressionante per un dilettante e un'opera di non poca qualità, soprattutto nell'epoca d'oro dello tsumeshogi inaugurato dai fratelli Itou una generazione prima.


L'esperto di Tsumeshogi Kadowaki Yoshio nota che molte delle posizioni all'interno sono grandiose ma rozze; ma fa anche notare che tuttavia il Koukaku ha portato in tavola una ricchezza di idee, tra cui un numero significativo di kyoku-dzume e problemi tematici rispetto alle opere dell'iemoto contemporaneo. Circa 20 dei problemi sono cotti; tuttavia, ciò non toglie nulla all'originalità e all'energia artistica dell'opera nel suo insieme.


Il manoscritto originale del Koukaku si trova negli Archivi Nazionali del Giappone, insieme alle altre raccolte dedicate allo tsumeshogi come lo Shogi Musou , lo Shogi Zukou , lo Shogi Taikou e lo Shogi Komakurabe che Ieharu aveva tanto apprezzato.

Lo shogun Tokugawa Ieharu è morto nel 1786 per malattia e la sua lapide si trova nel tempio Kan'eiji nel quartiere Taitou, a Tokyo.

 

 

 

OHASHI SOUKEI IX (OTTAVO MEIJIN)

 

Il mondo dello Shogi ottenne finalmente un nuovo Meijin nel 1789, che sarebbe Ohashi Soukei IX, all'età relativamente avanzata di 45 anni, figlio di Ohashi Soukei VIII e nipote di il quinto Meijin Itou Soukan II.

 

Soukei IX aveva giocato molti giochi con lo shogun Tokugawa Ieharu ei suoi contemporanei, ma nel 1774 assunse la direzione della casa principale di Ohashi dopo la morte di suo padre, cosi diventa promosso a 8Dan nel 1785 e facendo suo dono tsumeshogi lo Shogi Bugyoku (将棋舞玉) nel 1786, Soukei IX divenne l'ottavo Meijin nel 1789.

 

Lo Shogi Bugyoku sarebbe finito per essere l'ultima collezione di tsumeshogi donata allo shogunato, la pratica sarebbe stata abolita dal prossimo Meijin.

 

Era una raccolta che dimostrava il talento di Soukei IX, in particolare con buone idee in tsumeshogi; tuttavia, circa un terzo dei problemi è ancora direttamente o indirettamente ispirato dalle opere di Kanju e Soukan III, il che dimostra quanto i due predecessori avessero spinto il campo oltre i suoi limiti.

 

Uno dei compiti del capofamiglia era quello di insegnare agli studenti, e Soukei IX ne era particolarmente affezionato, teneva cinque lezioni al mese.

 

Ha disputato la sua ultima partita nel 1797, perdendo contro Itou Soukan VI (che sarebbe stato il decimo Meijin) dando un handicap di lancia destra.

 

Soukei IX morì nel 1799, cosi il titolo di Meijin lasciò la casa principale di Ohashi per l'ultima volta, passando ora al capo della casa secondaria di Ohashi e al più forte degli Edo Meijin, Ohashi Souei VI.

 

 

 

 

OHASHI SOUEI VI (NONO MEIJIN)

 

Ohashi Souei VI fu il nono Meijin, nacque come Ohashi Shichinosuke (大橋七之助), figlio del quinto capo Ohashi Soujun V con una concubina. Posto in affido, Souei VI fu comunque richiamato alla famiglia in considerazione della sua eccezionale forza nello shogi.

 

Cambiando il suo nome in Souei nel 1773, giocò contro molti giocatori indipendenti, farà la sua prima apparizione in una partita nel 1778, ricevendo un handicap alfiere da Itou Souin V e vincendo; avrebbe fatto lo stesso con Ohashi Inju IX (in seguito Ohashi Soukei IX) una settimana dopo.

 

Nel 1790, Souei VI fu condannato in una partita alla pari contro l'allora Meijin Ohashi Soukei IX nel castello Shogi, quel gioco, una torre statica contro torre centrale, è uno dei capolavori di Souei VI ed è considerato uno dei migliori di tutti i giochi, aveva cementato la posizione di Souei VI come potenziale futuro Meijin.

 

Nel 1792, suo padre Soujun V morì e Souei prese il posto di capo della casa secondaria di Ohashi, ma quando Soukei IX morì nel 1799, Souei VI salì alla posizione di Meijin.

 

Fino ad allora, ogni Meijin aveva fatto un regalo tsumeshogi allo shogunato, prima o dopo la sua ascesa, ma Souei VI avrebbe interrotto questa pratica.

 

Varie ragioni sono state avanzate per questo; forse era semplicemente per mantenere la sua posizione di iemoto; o perché sentiva che era impossibile superare ciò che Itou Soukan III e Itou Kanju avevano realizzato in questo campo; o addirittura un'osservazione apocrifa che ha fatto che il suo contemporaneo, Kuwabara Kiminaka 4 dan indipendente e discepolo dell'ottavo Meijin Ohashi Soukei IX, sarebbe stato più che all'altezza del compito. Qualunque sia la ragione, Souei VI ha evitato la tradizione e si è concentrato invece sul gioco dello shogi.

 

 

 

 

IL PADRE DELLO SHOGI MODERNO

 

Souei VI è il primo dei giocatori probabilmente meritevole di essere chiamato IL PADRE DELLO SHOGI MODERNO, il lavoro di Souei VI sulle aperture e sul joseki ha gettato le basi per lo Shogi moderno.

 

Lo Shogi Fushiki (将棋歩式), pubblicato postumo nel 1810, fu la prima delle maggiori opere joseki del periodo Edo, copreva un'ampia varietà di joseki per handicap a due pezzi, lancia-torre, torre, alfiere, lancia sinistra e lancia destra, così come anche joseki di gioco per torre statica contro torre di quarta colonna, aigakari, ecc.

 

L'altra sua opera famosa è l' Hirate Aigakari Joseki Shuu (平手相懸定跡集), pubblicato più tardi nel 1816 (sebbene forse scritto dal suo discepolo Fujita Keitatsu 藤田桂立), copre un certo numero di linee profondamente in aigakari e yokofudori.

 

Soukei VI curò anche una raccolta di giochi, lo Shogi Kisen (将棋奇戦), che fu pubblicato postumo nel 1811; dei 102 giochi da lui stesso selezionati, 54 sono i suoi giochi. Questi includono i giochi di pratica giocati all'epoca all'interno della casa secondaria di Ohashi, offrendo uno sguardo ai giochi di Shogi dell'epoca senza il sistema di handicap prevalente.

 

Nel gioco reale è ampiamente considerato il più forte del Meijin del periodo Edo, e il suo stile di gioco ha aiutato ad evolvere la comprensione dello Shogi. Fu il primo a valutare la difesa, avvicinandosi allo stile moderno rispetto ai suoi predecessori.

 

I suoi risultati nei giochi principali sono +6-1=1 come sente/shitate, +4-8=4 come gote/uwate per un totale di +10-9=5. In particolare, ha vinto tutte e tre le partite pari che ha disputato tra quelle.

 

In un'analisi dei giocatori storici fatta nel 2017 da Yamashita Hiroshi, il programmatore del motore Shogi YSS, Ohashi Souei VI ha ottenuto una valutazione stimata di 2987, oltre 200 punti di vantaggio sugli altri migliori giocatori durante l'intero periodo Edo, da qualche parte ad un moderna forza 8 Dan amatoriale (che è già più forte di quasi tutti i giocatori dilettanti, e probabilmente anche di alcuni professionisti).

 

Souei VI morì improvvisamente, si ammalò improvvisamente  e lasciò il castello, ma morì poco dopo essere tornato a casa; la sua partita contro Itou Kanri, figlio di Itou Soukan VI, fu terminata a favore di Kanri.

 

Dopo la morte di Souei VI, il titolo di Meijin sarebbe stata nuovamente lasciata vacante, questa volta per 15 anni fino al 1825.

 

Per quanto riguarda la famiglia del ramo Ohashi, Souei VI sarebbe stato l'ultimo Meijin a venire da lì, suo figlio, Ohashi Eichou, subentrò come settimo capo Ohashi Souyo VII, ma nonostante avesse ottenuto il 7 Dan non era eccezionale in forza, e si dedicò invece alla pubblicazione e alla pubblicità dei libri joseki e dei libri di raccolta di giochi che erano l'eredità di suo padre.

 

 

 

 

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder